1842 – 1969 : five Hairstyles from the past that look incredible contemporary

Senza titolo-7Le acconciature maschili, come avviene per gli indumenti, sono soggette al cambiamento in base alle tendenze del momento. Capita così che alcuni haistyle del passato appaiano come assolutamente contemporanei e glamour. Eccone cinque che ho selezionato per voi.

Men hairstyles, as happens with clothing, are subject to change based on current trends. So it happens that some haistyle of the past appear as absolutely contemporary and trendy. Here are five that I have selected for you.

© COPYRIGHT: 

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

Do Not Copy. Contact the writer for info

1842 Henry Colton Shumway Henry Peters Gray

1842. Henry Colton Shumway by Henry Peters Gray

1923

Beautiful college boy from year 1923

Paris adv 1934

Paris ad from year 1934

Ph. Jules Aarons - “Lighting up, West End”, Boston, 1950s

Ph. Jules Aarons – “Lighting up, West End”, Boston, 1950s

La caduta degli deivisconti heltum berger gay naked hairstyle boy 1969

Dal film “La caduta degli dei” di Luchino Visconti – Heltum Berger -1969

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Acquista il mio libro. Clicca sull’immagine per info.

Shop my Book. Click on the pic for info.

Annunci

Machismo in T-Shirt from Old Hollywood

Gli indumenti hanno tra le loro principali funzioni quella di esaltare alcuni aspetti propri di chi li indossa. Questo codice dell’abito riveste ancor più importanza nell’ambito cinematografico, settore in cui attori e attrici vestono panni spesso distanti dalla propria reale personalità, permettendo alla finzione scenica di trasformarsi in una dimensione oggettiva. Così, alcuni di questi abiti nel tempo sono divenuti iconici, legando a loro stessi un sottolinguaggio ricolmo di significati anche erotici. E’ questo il caso della canottiera, che nel mondo del cinema ha da sempre assunto un ruolo fondamentale per conferire appeal e sensualità all’estetica di aitanti attori, da Hollywood all’Italia. un tram chiamato desiderio
Tra questi l’immagine più voluttuosa, virile e popolare è quella di Marlon Brando nel film del 1951 “Un Tram che si chiama Desiderio”, che ha confermato l’importante ruolo di questo indumento nell’immaginario erotico collettivo. Estetica machista che l’attore ribadisce nel successivo “Fronte del Porto”, anno 1954, e che porterà una lunga e ancora attiva serie di emulazione da parte di star anche italiane. Prima del “Bad Boy” Marlon, furono numerosi gli attori che indossarono canottiere virtualmente impregnate di testosterone. Vediamone alcuni.

 

Among the main functions of the garments there is the highlight of some aspects from the wearer. This dress code is even more important in the film industry, a sector in which actors and actresses wear clothes often far from their real personality, allowing the stage fiction to become an objective dimension. Thus, some of these dresses have become iconic over time, linking to themselves a sublanguage full of erotic meanings. This is the case of the undershirt, which in the world of cinema has always played a fundamental role in conferring appeal and sensuality to the aesthetics of abounding actors, from Hollywood to Italy.
Among these, the most voluptuous and popular image is the ones of Marlon Brando in the 1951 film “A streetcar named Desidere”, which confirmed the important role of this garment in the popular erotic imaginary. An aesthetic that the actor reaffirms in the following “Front of the Port”, year 1954, and which will bring a long and still active series of emulations by Italian stars. Before the “Bad Boy” Marlon, there were numerous actors wearing sensuals tank tops. Let’s see some.

rodolfo rudolph valentino canottiera undershirt sexy macho moda storia della moda undewear gay cinema movie history fashion historian luciano lapadula blog blogger libro

L’attore Rodolfo Valentino che dall’Italia approdò a Hollywood. Attraverso la propria immagine generò l’appellativo Latin Lover

Ramon Novarro sexy men actor cinema history luciano lapadula blog wordpress storia della moda film movie gay canottiera old hollywood libro

Ramon Novarro, estetica in cui androginia e machismo crearono un dualismo magico ed erotico

 

Buster Keaton moda storia cinema fashion history blog wordpress sexy men canottiera undershirt gay love attore silent movie libro scrittore luciano lapadula creepy makeup 20s 30s

L’attore Buster Keaton durante gli anni ’20, celebre per la sua mimica e il suo talento acrobatico espresso nelle gag che hanno fatto scuola nel mondo del cinema

 

Gary Cooper in 'Half a Bride' 1928 storia cinema sexy 20s moda luciano lapadula libo blog blogger fashion history gay sex men attore actor historian film

Anticipò di quasi trent’anni l’estetica di Marlon Brando l’attore Gary Cooper nel film “Half a Bride”, anno 1928

 

Risultati immagini per clark gable undershirt

Glabro e sexy la star di Hollywood Clark Gable nel film  “Dancing Lady”, anno 1933

 

burt lancaster the killer 1940 sexy men man actor attore film cinema storia moda fashion history gay cult iconic icon studio luciano lapadula blog blogger libro macabro

Virile e mastodontico Burt Lancaster nel film “The Killer” del 1940

 

Ossessione-(1943)---Massimo-Girotti luchino viscnti clara calamai anna magnani film icona sexy men man uomo attore actor cinema storia moda fashion gay canottiera undershirt history luci

Ricorda tanto Gary Cooper l’italiano Massimo Girotti nel film “Ossessione” di Luchino Visconti, anno 1943

 

marlon brando moda storia costume film cinema undershirt film movie gay sex symbol james dean Un tram che si chiama Desiderio A Streetcar named Desire macho canottiera blog blogger

Ritorna il mondo segnico proposto da Gary Cooper nel 1928 attraverso l’intensa ed erotica immagine del sex symbol Marlon Brandon nel film “Un tram che si chiama Desiderio (A Streetcar named Desire)”, 1951

 

paul newman la gatta sul tetto che scotta underwear naked attore undershirt blog blogger fashion moda luciano lapadula bellezza storia cinema film 50s icon rockabilly classe style stile

Paul Newman, nel 1960, esibì il proprio fisico scolpito. L’occasione  fu il film “La gatta sul tetto che scotta”

 

renato salvatori rocco e i suoi fratelli visconti luciano lapadula canottiera t-shirt moda storia film cinema gay beauty italia blog blogger icona magazine luciano lapadula fashion histo

Ancora una volta Luchino Visconti ricorre all’immaginario legato all’estetica del sesso e della canottiera, facendo indossare l’indumento all’attore Renato Salvatori nel film “Rocco e i suoi fratelli”. 1960

 

rock hudson on the set of Spiral Road sex symbol icon icona sexy sex men man attore storia cinema film outfit moda fashion history storico luciano lapadula beauty bellezza blog libro blo

Rock Hudson nel film “The Spiral Road”, 1962,  presentò un’estetica insieme sensuale e detersa dal grasso e dal sudore. Arriverà presto la Beat Generation e la figura dell’uomo Macho non sarà più così alla moda

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

La nascita della Tuta nell’Italia Futurista – Jumpsuit from Futurism

Innovazione in ogni campo, rapidità e praticità nel costume e nella moda pervasero gusto e stili di vita dell’Italia futurista. L’abito per quanti aderirono alla corrente si trasformò nella rappresentazione della propria identità, dando il via alla

marinetti futurismo manifesto 1909 figaro moda

Manifesto Futurista. Marinetti. “Le Figaro” 1909

produzione di capi di vestiario concepiti come opere d’arte. Tra queste creazioni spiccano i colorati e geometrici gilet creati da Depero dal 1923, allo stesso modo dei tessuti stampati opera di Sonia Delaunay.

depero futurismo moda panciotto fashion luciano lapadulaMeno glamour e maggiormente legata a un’idea di dinamismo e praticità, fu la nascita della tuta ideata da Thayaht nel giugno 1920. Il senso di questo innovativo capo era quello di rendere semplice e veloce la vestizione, garantendo comodità e agilità, in quanto un abito razionalista slegato da inutili orpelli. La spesa per la confezione dell’indumento doveva essere minima, in modo da poter essere confezionato anche in casa autonomamente, in linea con il principio funzionale dell’“abito-massa”. Nel 1873 negli Stati Uniti, levi jumper old tuta invenzione 1873 levis jeans storia luciano lapadula moda fashionLevi aveva iniziato la produzione di capi in denim destinati al lavoro, che evolvettero presto in overall con pettorina e bretelle, finché, nel 1906, Gertrude Stein raccontò del particolare abito indossato da Picasso, simile a una tuta. Oltre alla novità di aver assegnato un nome e quindi un’identità a quell’indumento, un ulteriore apporto è rinvenibile nel suo schema di progettazione, che rivestiva il corpo dando la prerogativa alla pratica bidimensionalità piuttosto che all’eleganza o alle forme.Thayaht nel giugno 1920 tuta storia moda futurismo fashion luciano lapadula Su “La Nazione” fu allegato un cartamodello della tuta al costo di soli cinquanta centesimi. Era la prima volta che si offriva ai lettori una sorta di coordinato: ideazione, realizzazione, neologismo, pubblicità, marketing e vendita, e non di un prodotto finito,
bensì di un cartamodello che permetteva una seriale riproducibilità dell’indumento
svincolandolo da marchi. Il successo fu notevole, la sua linea morbida, il tessuto lavabile, la semplice fattura e la purezza dei colori fecero della tuta un abito moderno,
dinamico e alla portata di tutti. thayaht tuta storia moda macabro grottesco luciano lapadula libro v magazine lampoon vogue glamourLa contessa Rucellai lo apprezzò al punto da organizzare nel suo palazzo un ballo-tributo in cui fu obbligatorio per tutti indossarla. «Tutti in tuta» proclamavano le pubblicità, un indumento unisex, nuovo, veloce, e soprattutto così simile al vestito antineutrale, di cui si discusse su un nuovo Manifesto il 20 maggio del 1914.

Da: “Il Macabro e il Grottesco nella Moda e nel Costume” di Luciano Lapadula. Edizioni Progedit 2017.

Disponibile anche al link:

Shop my Book

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

 

Innovation in every field, speed and convenience in costume and fashion was the foundation of futurism in Italy. The dress for those who joined the stream became the representation of their identity, giving way thanks to the Futurist Manifesto by Marinetti on “Le Figaro” in 1909, to a production of garments designed as works of art. Among these creations stand out the colorful and geometric gilet created by Depero since 1923, in the same way as the printed fabrics by Sonia Delaunay.

Less glamorous and more connected to an idea of ​​dynamism and practicality, it was the birth of the jumpsuit created by Thayaht in June 1920. The sense of this innovative garment was to wear quickly and easily a dress, ensuring comfort and agility, as a rationalist dress had to be. The expense for the garment packaging had to be minimal, so that it could be packaged by yourself independently, in line with the functional principle of “dress-mass”. In 1873 in the United States, Levi started production of denim garments for work, which soon evolved into overall with bib and braces, until, in 1906, Gertrude Stein told of the particular suit worn by Picasso, similar to a jumpsuit. In addition to the novelty of having assigned a name and therefore an identity to that garment, a further contribution can be found in its design scheme, which covered the body giving the prerogative to practice two-dimensionality rather than elegance or forms. On “La Nazione” magazione, a paper pattern was attached to the suit for only fifty cents. It was the first time that readers were offered a sort of co-ordination: conception, creation, neologism, advertising, marketing and sales, and not a finished product,
but a paper pattern that allowed a serial reproducibility of the garment
freeing it from brands. The success was remarkable, its soft line, washable fabric, the simple workmanship and the purity of the colors made the suit a modern dress,
dynamic and accessible to everyone. Italian Countess Rucellai appreciated it to the point of organizing a tribute dance in her palace in which it was obligatory for everyone to wear it, as a dresscode. “Everyone in overalls” proclaimed advertisements, a unisex garment, new, fast, and above all so similar to the antineutral dress, which was discussed in a new Manifesto on May 20, 1914.

From my book: “Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History)

My book is available here

Shop my Book

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/