Festival del Cinema di Spello: ho premiato i costumi di “La Pazza Gioia” – Me at Spello Film Festival

Si è appena conclusa la sesta edizione del Festival del Cinema della Città di Spello e dei Borghi Umbri, unica rassegna attraverso la quale vengono premiate le “professioni del cinema”, ossia il lavoro svolto con fatica da quanti operino dietro la cinepresa.

Nei giorni precedenti la serata conclusiva ho avuto il piacere di tenere dei seminari riguardanti il cinema e la moda presso il Palazzo del Comune di San Gemini, l’Accademia di Belle Arti di Perugia e l’Istituto di Moda Cavour di Perugia.

Il Festival ha la direzione artistica del regista Fabrizio Cattani, presidente è Donatella Cocchini. Quest’anno la serata conclusiva è stata presentata dal giornalista Vittorio Introcaso affiancato da Simona Fiordi, che per l’occasione ha indossato un abito firmato Pierre Balmain proveniente dal mio archivio.

Tanti gli ospiti illustri presenti al Teatro Subasio la sera di sabato 4 marzo, tra loro il regista Pupi Avati che ha ricevuto il “Premo all’Eccellenza“.

Ho avuto il piacere e l’onore di conferire il premio alla costumista Katia Dottori per il film “La Pazza Gioia” di Paolo Virzì. L’appuntamento è per l’edizione del 2018, ma prima ci saranno grandi novità per questo Festival e per tutti voi.

The sixth edition of the Film Festival of the City of Spello and the Borghi Umbri has just ended. It is the only exhibition through which the “cinema professions” are rewarded, ie the work done with difficulty by those who work behind the camera.

In the days preceding the final evening I had the pleasure of holding seminars on cinema and fashion at the Palazzo del Comune of San Gemini, the Academy of Fine Arts in Perugia and the Istituto di Moda Cavour of Perugia.

The Festival has the artistic direction of the director Fabrizio Cattani, president is Donatella Cocchini. This year the final evening was presented by the journalist Vittorio Introcaso flanked by Simona Fiordi, who for the occasion wore a Pierre Balmain dress from my archive.

Many illustrious guests present at the Teatro Subasio on the evening of Saturday, March 4, among them the director Pupi Avati who received the “Premo all’Eccellenza”.

I had the pleasure and the honor of awarding the award to costume designer Katia Dottori for the film “La Pazza Gioia” by Paolo Virzì. The appointment is for the 2018 edition, but first there will be big news for this Festival and for all of you.

luciano lapadula spello film festival 2018 2017

Durante la proclamazione con Vittorio Introcaso e Simona Fiordi

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Annunci

Rapsodia di una Diva – Accademia Belle Arti Perugia

Rapsodia di una Diva” è il nome che ho scelto per il prossimo lavoro di insegnamento che svolgerò il giorno 1 marzo 2017 presso l’Accademia di Belle Arti a Perugia.

La prestigiosa accademia mi ha invitato per una lectio in concomitanza con il Festival del Cinema di Spello, con cui collaboro da ormai tre anni in qualità di relatore e curatore di mostre di abiti d’epoca. Ho scelto dunque di descrivere il sinuoso intreccio che fonde il Cinema con il Costume, lasciando emergere figure inattese e sempre nuove che attraverso estetiche performanti generano mode.

Come in un canto senza età l’immagine della Diva si erge superba e altera al di sopra delle genti, inafferrabile e immersa in un’atmosfera mistica lei non può unirsi ai comuni mortali ed è costretta a vivere in un mondo immaginifico che dalla celluloide sprofonda spesso nella solitudine della realtà.

Durante il mio seminario racconterò in che modo si costruisce la “forma” di una star: trucco, acconciature, abiti, voce, movenze concorrono a realizzare il nuovo mito che folle adoranti celebrano dalla nascita del cinema ancor oggi.

Il titolo scelto per questa lezione è un mio omaggio, a distanza di cento anni, a quello di un film interpretato da una tra le prime Donne Fatali del grande schermo in Italia: Lyda Borelli. L’attrice, ritratta nella locandina, ha infatti recitato il ruolo della tragica contessa “Alba d’Oltrevita” nella pellicola “Rapsodia Satanica” per la regia di Nino Oxilia, film terminato nel 1915 e proiettato nelle sale nell’anno 1917.

rapsodia_satanica_1915

Film Poster

Svelerò percorsi inediti che riguardano la figura della protagonista, eroina maledetta il cui fascino continua, dopo un secolo, a sedurre maliardo progenie solo apparentemente mutate dallo scorrere del tempo.

Luciano Lapadula

luciano-lapadula-accademia-di-belle-arti-di-perugia-rapsodia-di-una-diva-lyda-borelli-seminario-moda-fashion-costume-satanica-festival-del-cinema-di-spello-2017