Moda Sotto le Bombe – Debutto dello Spettacolo Teatrale

Teatro che fa notizia. Teatro che è storia, moda, cultura. Moda Sotto le Bombe. Debutta il 7 Dicembre a Bari lo spettacolo teatrale che ho ideato e che prende il nome da un capitolo del mio libro “Il Macabro e il Grottesco nella Moda e nel Costume“. Lo spettacolo teatrale parte dell’evento si chiama “La Giornata di Teresa”, e proviene da molto lontano. Da bambino mio nonno Nicola, uomo eclettico, guerriero poeta, mi portò nel palazzo location per il mio evento, la “Casa del Mutilato” di Bari. Rimasi sedotto dall’architettura, dagli spazi immensi, monumentali, algidi e taglienti. E ora io debutto con Moda Sotto le Bombe proprio in quel Palazzo. Le date dell’evento – 7 e 21 Dicembre 2019 – sono Sold Out. L’attesa è tanta, la drammaturgia è stata scritta da me, Luciano Lapadula, dirigo anche lo spettacolo insieme alla regia del mio collega artista Vito Antonio Lerario.

Sponsorizzato dal Comune di Bari, dall’Università degli Studi di Bari e dall’Arma Nazionale dei Carabinieri, “Moda Sotto le Bombe” vede la collaborazione – in un processo sinestetico – di molteplici realtà territoriali che spaziano dalla recitazione al trucco, dalla fotografia alla musica. Teresa, il personaggio che ho ideato basandomi su storie vere accadute durante gli anni del secondo conflitto bellico in Italia, è interpretata dall’attrice Rosemary Nicassio. Il suo alter ego Anna è invece portato in vita dalla struggente Barbara De Palma.

Differenti performance di moda rievocheranno stili e abitudini delle donne vissute “sotto le bombe”. Rari e autentici indumenti d’epoca, datati 1939 – 1945, dall’archivio museale di Luciano Lapadula e Vito Antonio Lerario compariranno in scena illustrando il peculiare rapporto tra identità, miseria e abito durante la guerra.  La cura del trucco e dell’acconciatura per attrici e comparse è affidata ai professionisti di Nouvelle Esthétique Académie.  Nella grande sala risuoneranno le appassionate melodie eseguite dal Maestro Stefania Gianfrancesco da Il Circolo Beethoveen di Bari, introdotta dai versi recitati da Clara Patella dalla Libreria Nuova Macelleria di Altamura. Luci e Audio d’atmosfera a cura della Melody Service Group. Le riprese video e foto sono di Emilio Badolati.

La moda, la musica, l’arte superano le barriere di filo spinato e solcano quelle del tempo, giungono a noi attraverso questo spettacolo, e ci invitano a riflettere sul nostro presente ancora tormentato da guerre, con la speranza che quel che è stato non accada più, e per questo siamo qui a ricordare.

Due le date per lo spettacolo che parte da Bari, il 7 dicembre e il 21 dicembre. entrambe Sold Out.Comparse del giorno 7 dicembre: Mariella Soldo, Marina Ceglie, Ilenia Terrevoli, Silvia Fasano, Ilenia Pantaleo, Angelica Peragine, Lalla Conenna Lapadula, Genny Morelli, Nicoletta Pastore, Cristina Taranto, Edvige Colombo, Simona Polizzi, Valentina Del Conte.

Ore 20.00 Palazzo Anmig già Casa del Mutilato, Largo Fraccacreta Bari.

Info: modasottolebombe@yahoo.com

Si conclude la serata del 7 con la degustazione dei vini della Tenuta Viglione a cura di Enjoy Apulia. Si ringrazia Emilio Badolati per le fotografie e i video. Si ringrazia Vecchie Segherie Mastrototaro per l’omaggio ai presenti nella sera del 7 dicembre.

Moda Sotto le Bombe – La Giornata di Teresa – Drammaturgia di Luciano Lapaadula. Regia Luciano Lapadula e Vito Antonio Lerario. Costumi Lerario Lapadula. Con Rosemary Nicassio e Barbara De Palma.

CASA DEL MUTILATO di BARI – Location per lo spettacolo teatrale “Moda Sotto le Bombe – La Giornata di Teresa” di Luciano Lapadula e Vito Antonio Lerario. 7 e 21 Dicembre 2019

Ph Emilio Badolati backstage “Moda Sotto le Bombe”. Costumi autentici dal 1939 al 1945 dall’archivio Lerario Lapadula

Ph Emilio Badolati backstage “Moda Sotto le Bombe”. Costumi autentici dal 1939 al 1945 dall’archivio Lerario Lapadula
Ph Emilio Badolati backstage “Moda Sotto le Bombe”. Costumi autentici dal 1939 al 1945 dall’archivio Lerario Lapadula
Ph Emilio Badolati backstage “Moda Sotto le Bombe”. Costumi autentici dal 1939 al 1945 dall’archivio Lerario Lapadula
Ph Emilio Badolati backstage “Moda Sotto le Bombe”. Costumi autentici dal 1939 al 1945 dall’archivio Lerario Lapadula

© COPYRIGHT: Luciano Lapadula

Divieto di copia e riproduzione.

Contattare l’autore per info e disponibilità

Do Not Copy. Contact the writer for info

Discover more from my Blog: http://www.lucianolapadula.wordpress.com

Follow Me on Instagram: https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

Follow Me on Facebook: https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Follow Me on Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCXPI69uNrqeejgYR1fH9ASw

SHOP MY BOOK – ACQUISTA IL MIO LIBRO

Disgusto Italiano: Claretta Petacci e lo scempio di Piazzale Loreto | Italian Disgust: the death of Claretta Petacci

 

Vi chiedo di leggere con attenzione quel che segue, alla luce di quanto ha detto Gene Gnocchi in prima serata su La Sette, circa l’immagine di un Maiale che rovistava tra i rifiuti: “quel maiale si chiama Claretta Petacci”. Quanto segue – parlo da storico – è tutto vero, ed è tratto dalla didascalia della stessa immagine che ho inserito nel mio libro, che mi auguro decidiate di leggere, anche perché contiene numerosi altri dettagli.
Lo trovate qui, cliccando sulla foto potrete leggere la scheda. 

 

 

 

 

 

luciano lapadula il macabro e il grottesco nella moda e nel costume claretta petacci mussolini piazzale loreto

Piazzale Loreto, Milano, 29 aprile 1945.

Il corpo di Claretta Petacci è quello centrale,
appeso per i piedi alla putrella metallica di un chiosco di benzina illuminato dall’orrore. La corda le attanaglia le caviglie, le gambe sono ancora velate dalle calze di seta, fermate dalle eleganti giarrettiere. Le mani sono socchiuse e le unghie smaltate di color rosa pallido. Il tailleur scuro e insanguinato si abbassa lasciando scoprire la camicetta sporca di fango e macchiata di sangue. È sbottonata sino a metà del petto che appare alla folla nel suo giovane fulgore. La partigiana detta “Carla la bionda”, in un gesto di pietà, cedette la sua spilla ai propri colleghi per fermare la gonna di Claretta che una volta a testa in giù svelò il pube nudo. Il perché non indossasse le mutandine non si è mai scoperto. Forse uno stupro, oppure una necessità della donna uccisa mentre aveva il ciclo. Alcuni testimoni raccontarono che un partigiano, una volta morta, le strappò le mutandine per feticismo.

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

claretta petacci blog libro luciano lapadula

 

luciano lapadula blog claretta petacci

Milan, Loreto Sqare, 26 Apr 1945

Claretta Petacci’s body is in the middle, hanging by the feet of the metal beam of a horror-lit petrol kiosk. The rope grips the ankles, the legs are still veiled by silk stockings, stopped by elegant garters. Her hands are ajar and her nails are pale pink. The dark and bloodied suit goes down to reveal the bloody mud-stained blouse. It is unbuttoned to the middle of her chest, which appears to the crowd in her youthful glow. The partisan called “Carla the blonde”, in a gesture of pity, gave her brooch to her colleagues to stop the skirt of Claretta that once upside down revealed the naked pubes. The reason why she did not wear her panties was never discovered. Perhaps a rape, or a necessity of the woman killed while she was on the cycle. Some witnesses told how a partisan, once dead, tore her panties for fetishism.

 

From my book:

“The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

SHOP: “The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

 

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Nazi Men Aesthetic | Bellezza Maschile nel Terzo Reich

L’oscura voragine entro cui sprofondò l’ideologia nazista fu contraddistinta da una singolare antinomia che vide il trionfo di un’ossessiva ricerca della perfezione estetica alternarsi a una morale scellerata. All’animo turpe di molti soldati del Terzo Reich corrispondeva un’apparente contraddittoria bellezza fisica, quasi come fosse necessaria a purificare la crudeltà dei loro pensieri. Attraverso questa serie di immagini la mia ricerca esibisce lo splendore del male e il travestimento del ripugnante, che generano una euritmia spaventosa.

The obscure chasm in which the Nazi ideology collapsed was marked by a singular antinomy that saw the triumph of an obsessive pursuit of aesthetic perfection alternating with a nefarious morality. To the turbulent mind of many soldiers of the Third Reich corresponded an apparent contradictory physical beauty, almost as if it were necessary to purify the cruelty of their thoughts. Through this series of images my research exhibits the splendor of evil and the disguise of the repugnant, which generates a frightening eurythmy.

ss german soldier beautful gay men nazi nazism hot blog luciano lapadula

© SS young pretty soldier. Beautiful innocent face, in contrast with the skull on the hat

marseille

© Hans Joachim MarseilleHansJoachim Walter Rudolf Siegfried Marseille was a German fighter pilot during World War II. A flying ace, he is noted for his aerial battles during the North African Campaign. Marseille claimed all but seven of his 158 victories against the British Desert Air Force over North Africa

Hans-Joachim Marseille nazi gay boy beautiful men man uomo bellezza nazismo blog blogger porn

© Early in his career, he was transferred from JG-52 by his commander, the famous Johannes “Macky” Steinhoff who said, “Marseille was remarkably handsome”

Hans-Joachim Marseille fighter-pilot-hans-joachim-marseille naked nazi men beautiful boy

© Hans-Joachim Marseille in North Africa

nazi soldiers handsome gay beautiful men boy

Group of nazi soldiers

Young Waffen-SS soldie

Young Waffen-SS soldier

The Kam brothers, left-right Poul, Soren and Erik nazi beauty boys men soldiers gay blog blogger fashion luciano lapadula

© Poul, Soren and Erik: The Kam brothers.
They volunteered and fought in the 5th SS division, Wiking

soren kam beautiful nazi blog gay men soldier nazismo blogger luciano lapadula wordpress fashion ss boss

© Soren Kam. Soren was the CO of the Schalburg corps, a Danish element of the SS, was alleged to have been involved in the theft of the Jewish birth records in Denmark, so they could be efficiently deported/exterminated, recipient of the Knights Cross and was #5 on the Jews most wanted list before his death

Ludwig Kepplinger men beautiful nazi blog blogger moda luciano lapadula macabro grottesco nazismo estetica


© Ludwig Kepplinger (31 December 1911 — 26 August 1944) was a Sturmbannführer (Major), in the Waffen-SS during World War II who was awarded the Knight’s Cross of the Iron Cross

aW02lI6FzwU

Joachim Peiper

6578b13f991ab1c1c4474ebb040a5f77

Captured German soldiers by Canadian soldiers 1943 c.

852f3df028026ad4a7ed60236d2e20b2

Erich “Schmidtchen” Schmidt (

Værnepligt

During the battle – 1943

boy nazi men soldier soldato nazista nazismo bellezza aehstetic gay blog moda fashion luciano lapadula storico della moda macabro grottesco fotografia photo photography

© Sweet and Beautiful junior army officer

ss nazi gay man veautiful bellezza nazismo arte luciano lapadula storia della moda

© Look as a 90s JPG model. Kriegsmarine/German Sailor

Helmut Oberlander beautiful nazism nazi beauty men boy man blog gay moda fashion history

© Helmut Oberlander (born 15 February 1924) is a former Canadian citizen who was a member of the Einsatzgruppen death squads of Nazi Germany in the occupied Soviet Union during World War II. Oberlander is on the Simon Wiesenthal Center’s list of most wanted Nazi war criminals

german nazi boy blog moda luciano lapadula hairstyle

© Gerhard “Gerd” Barkhorn (20 March 1919 – 8 January 1983) was the second most successful fighter ace of all time after fellow Luftwaffe pilot Erich Hartmann, the two people to ever exceed 300 confirmed victories

9ab583da75cf5f61f9896d9f0b97b268--wk-soldiers

from Nazi Marine

amazing nazi boy soldier beautiful handsome

Kriegsmarine

nazi blonde gay soldier marine beautiful handsome nice

Kriegsmarine

amazing nazi boy men soldier bellezza nazismo moda gay storia luciano lapadula blog macabro libro

© SS Untersturmführer Havvo Lübbe 1942

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Follow Me on Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCXPI69uNrqeejgYR1fH9ASw

luciano lapadula nazismo bellezza blog moda fashion costume storia nazi gay beauty soldiers ss beautiful men boys blogger

Acquista il mio libro. Clicca sull’immagine per info.
Shop my Book “The Macabre and the Grotesque in Fashion and Costume”. Click on the pic for info.

From Auschwitz to Balenciaga: ex model history

Nonostante l’esistenza avvolta da una cupa aurea, pare la vita offra ad alcuni esseri umani un sentiero illuminato dalla fortuna, consegnandoci un testamento che provoca sgomento e biasimo. Sono storie come questa, fatte di percorsi paradossali, che al buio dell’anima affiancano i lustrini dell’alta moda.

Brigitte Höss nacque in Germania il 18 agosto del 1933: una bella bambina bionda, molto più fortunata di altri suoi coetanei ebrei. Suo padre, Rudolf, era il direttore del campo di sterminio di  Auschwitz, che quei bambini e quegli ebrei li uccideva quotidianamente e con brutalità. Brigitte visse la propria infanzia passando da un campo di concentramento all’altro: Dachau fino a 5 anni, Sachsenhausen fino ai 7, e Auschwitz sino agli 11 anni. Qui abitò in una villetta lussuosa, che lei definì “il paradiso”, arredata con mobili e opere d’arte sottratte agli internati .

 

ENLGISH translation at the bottom of the page

hqdefault

Auschwitz commander's daughter brigitte hoss balenciaga model luciano lapadula

Auschwitz commander’s daughter Brigitte Hoss with sister and brothers

Domestici, parrucchieri, musicisti, provenivano anch’essi dal lager che confinava con il curatissimo giardino in cui la bambina passava ore di gioco, osservando i prigionieri nelle loro divise a righe. Il prato inglese era illuminato da una bella piscina con scivolo: in alcune immagini Rudolf in divisa guarda i bambini felici mentre vi si tuffano, dietro di loro si inarcano le grigie cupole del campo della morte. Da una finestra, in alto, i figli assistevano spesso allo spettacolo funereo, personificato da centinaia di donne, uomini, bambini, in fila per entrare nelle camere a gas e nei forni crematori.

00auschwitz1

Auschwitz

Bilder-aus-dem-Buch-Hanns-und-Rudolf brigitte hoss

I piccoli Hoss riuniti per colazione a cento metri dal forno crematorio

Perduta la guerra e prima che potesse fuggire in Sud America, suo padre fu catturato, processato e impiccato, mentre il resto della famiglia riuscì a salvarsi. Così, in Spagna, il fosco passato di Brigitte venne occultato: nella seconda meta degli anni ’50 la bambina ariana era ormai una bella ragazza al punto che intraprese la carriera di modella per Cristobal Balenciaga. Le divise a righe vestite da ragazze come lei qualche anno prima, sparirono dai ricordi di Brigitte sotto la luce delle passerelle di uno tra i più prestigiosi marchi di moda del New Look.

brigitte hoess hoss nazi model modella balenciaga

Brigitte Hoss

Il ritrovato benessere aveva spazzato il dolore dall’esistenza delle nuove generazioni, si cercò di dimenticare la disgrazia, l’olocausto, la povertà più estrema, e questo Brigitte lo fece sino alla sua morte, giunta qualche anno fa. Nelle ultime interviste rilasciate, sostenne infatti che il numero delle vittime trucidate dai nazisti impegnati nello sterminio di massa era probabilmente assai inferiore a quanto dichiarato ufficialmente, e che “Rudolf Hoss” non era un mostro, ma un soldato che eseguiva degli ordini. L’orrore della sue gesta, l’odore acre della morte che si trasformava in una grande nuvola grigia sopra il cortile, pare non abbiano turbato l’animo della ex modella, né intaccato l’immagine che aveva del padre, antieroe celebre per la propria brutalità, ma da lei definito come l’uomo più dolce del mondo.

Risultati immagini per Rudolf Höß

Rudolf Hoess with executioners

Dopo l’esperienza da Balenciaga, durata tre anni, nel 1961 Brigitte si sposò e visse utilizzando il cognome del marito, nascondendo in tal modo il proprio passato. Un ebreo fuggito in America dopo “la notte dei cristalli” le offrì un lavoro come responsabile nella sua boutique di moda a Washington. La donna serbò il proprio segreto per 40 anni, fino a quando una sera, da ubriaca, lo confessò al proprio titolare, che tuttavia non la ritenne colpevole per i crimini perpetrati dal padre. L’uomo scampato miracolosamente alla morte, fu in grado di non serbare rancore, e di prendersi cura di lei, che concludeva la propria esistenza senza aver superato, forse, il trauma di aver avuto un padre assassino.

ENGLISH:

Despite an obscure existence, life seems to offer to some humans a path illuminated by luck. There are stories like this, made of paradoxical paths, mixed from the dark of the soul to the high fashion lights. Brigitte Höss was born in Germany on August 18, 1933: a beautiful blonde girl, much more fortunate than her other Jewish peers. Her father, Rudolf, was the first commander of the Auschwitz camp, which these children and those Jews exterminated daily and brutally. The little Brigitte lived in her childhood from a concentration camp to the other: Dachau up to 5 years old, Sachsenhausen until 7, and Auschwitz up to 11 years old. Here she lived in a luxurious chalet, that she called “paradise”, furnished with furniture and works of art stolen from lager’s prisoners. Households and staffs also came from the lager bordering the beautiful garden where the little girl spent hours playing, watching the prisoners in their striped uniforms. That garden was illuminated by a beautiful pool with a slide: in some pictures Rudolf – in uniform – looks at the happy children as they plunge, the gray domes of the death camp revolve behind them. From a window upstairs, the children often attended the funeral show, embodied by hundreds of women, men, children, in a row to enter the gas chambers and crematoriums. Lost the war and before he could flee to South America, his father was captured, tried and hanged while the rest of the family escaped. So, in Spain, Brigitte’s obscure obsession was concealed: in the second half of the 1950s, the Aryan girl was now a beautiful girl and started a model career for Cristobal Balenciaga. The striped dresses dressed worned by girls, a few years ago, disappeared from Brigitte’s memories in the light of the most prestigious New Look fashion brands. The new kind of life swept away the pain from the existence of the new generations, tried to forget the misfortune, the holocaust, the most extreme poverty, and this Brigitte did so until her death a few years ago. In the latest interviews, she claimed that the number of victims killed by the Nazis involved in massacre was probably far lower than what was officially declared, and that “Rudolf Hoss” was not a monster, but a soldier who executed orders. The acrid smell of death that turned into a big gray cloud above the courtyard, seemed not to have disturbed the soul of the ex model. After three years of experience with Balenciaga, in 1961, Brigitte married and lived using her husband’s surname, hiding her past. A Jewish man who fled to America after the “Crystal Night” offered her a job as responsible in his fashion boutique in Washington. She kept her secret for 40 years, until one night she was drunk and confessed her past to the manager, but he did not consider her guilty of her father’s crimes. The man miraculously fled to death, was unable to maintain grudging and he took care of her, she was ending her own existence without perhaps overcoming the trauma of having a murderous father.

Brigitte Hoss, the daughter of Nazi Rudolph Hoss, in her Virginia home. Her father was the commandant of Auschwitz

Brigitte Hoss in her room during last years of her life. Image courtesy Getty Images.

 

 

 

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Nazism and Beauty, two pictures

Sono a Berlino per lavoro, visitando il bellissimo museo di arte moderna “Berlinischegalerie” sono stato colpito da due immagini del 1940 che ritraggono rispettivamente una bambina e un giovane uomo.

I due soggetti ritornano improvvisamente ad essere in vita, raccontando attraverso gli scatti qualcosa che in modo indelebile ha segnato le loro esistenze congiungendole al presente e proiettandole al futuro.

Sono cittadini di Berlino, biondi, esteticamente appaiono perfetti, volti dai lineamenti carezzevoli, corpo maschile vigoroso e sensuale.La fanciulla appare triste, lo sguardo gioioso di bambina fissa il vuoto di un orizzonte buio. Il naso all’insù si scontra con la geometria di un sorriso spezzato, le labbra scendono verso il basso a descrivere un’allegria infranta, presagendo un declino sconfinato.

Una pericolosa vertigo stringe e risucchia l’intera esistenza di un popolo scaraventando sciagurati esseri nella più tetra delle storie da ricordare.

La ricerca della perfezione estetica volta alla supremazia della razza ariana emerge da queste due immagini con prepotenza, il culto del corpo e la celebrazione dei tratti somatici seducono lo sguardo e atterriscono l’animo.

*******

I’m in Berlin for business, visiting the beautiful museum of modern art “Berlinische Galerie” I was impressionated by two 1940’s images portraying a little girl and a beautiful boy, boths are from Berlin, blonds, appearing aesthetically perfect, faces are amazing, male body vigorous and sexy. The beautiful girl looks sad, joyous eyes of child looks at a creepy horizon, without lights. The research for aesthetic perfection and for the supremacy of the Aryan race emerges from these two images with arrogance, the cult of the body and the celebration of somatic seduce the eye and terrify the soul.

 

image

image

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

 

“The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

SHOP: “The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

Miss Italia 2015 e La Ciociara. Due Miss e due storie.

Polemiche sulle parole assurde proferite da #MissItalia.

Questa ragazza potrebbe essere assunta ad emblema infame della nostra società malata, del nostro tempo corrotto.

La causa é l’ignoranza.
La colpa a mio avviso é anche dei suoi insegnanti che quasi certamente non le hanno mai spiegato cosa sia accaduto alle #donne durante la #guerra, e quanto il mondo e l’Italia debba a loro.

Miss #Italia, tu rappresenti l’Italia peggiore, non quelle donne.
Non tante tra le mie contemporanee.

Miss Italia nella foto é ritratta #SophiaLoren, anche lei ha partecipato a questo concorso.

Qui ha a soli 26 anni e interpreta il ruolo di una donna di 50 vittima di stupro da parte dei soldati, e testimone a sua volta dei loro abusi perpretati ai danni della piccola figlia.

#LaCiociara

Questo é accaduto a tantissime donne nel corso  della guerra e durante la liberazione.

Nelle le mie lezioni ho sempre dedicato spazio al ruolo delle donne durante la II guerra mondiale, sia stato esso eroico che tragico, e mi piacerebbe non ascoltare mai piú nessun uomo e donna proferire offese come quelle dell’altra sera.

Offese che rigurdano noi, i nostri nonni,
i nostri figli.

L

image

Qual è il Volto del Male?

Qual è il volto del male?

Se immaginiamo l’aspetto di un soggetto che ha commesso un crimine aberrante tendiamo a trasfigurarne i tratti costruendo un’identità che atavicamente ci conduce a una chiara espressione del ripugnante, quasi come esistessero delle variabili a circoscriverlo.

Ci rassicura l’idea di poter identificare questo male con facilità, di poterlo così allontanare dalle nostre esistenze, e invece le teorie di Cesare Lombroso spesso si scontrano con la realizzazione di figure come questa: i ragazzi biondi, sorridenti, sexy che hanno sganciato la bomba atomica su Hiroshima il 6 agosto di 70 anni fa.

i ragazzi che sganciarono la bomba atomica su Hiroshima

i ragazzi che sganciarono la bomba atomica su Hiroshima