From Music to Fashion: 10 look che sono passati dalla Musica alla Moda

Un vestito in lurex, una cresta decolorata, un trucco esasperato spesso divengono alla moda per il fatto di averli visti sfoggiare da un cantante di successo. Icone rock, pop, persino provenienti dal mondo della lirica lanciano da decenni stili e tendenze adottate poi dal pubblico e talvolta rielaborate, anche a distanza di anni, da grandi nomi della moda. Di seguito ho analizzato per voi 10 look che – in ordine cronologico – raccontano questo straordinario passaggio da una dimensione all’altra.

A lurex dress, a wierd coloured hairstyle, an exasperated make-up often become fashionable due to having seen them show off by a successful singer. Rock and pop icons, even from the world of opera, have been launching for decades styles and trends adopted by the public and sometimes reworked, even after many years, by big names in fashion. Below I have analyzed for you 10 looks that – in chronological order – talks about this extraordinary passage from one dimension to another.

  1. La generazione dei “Belli e Dannati” degli anni ’50 ha tra le proprie icone musicali Elvis Presley, il quale ha ispirato altri cantanti per la scelta del proprio hairstyle, oltre che numerosi stilisti per i capi proposti in passerella. — “Bad Boys” generation from 50s: Elvis Presley’s hairstyle is so fashionable for the hipster generation.
elvis presley hairtyle moda fashion green sweater blog

Elvis con la sua storica acconciatura

stash the kolors

Il cantante del gruppo The Kolors, 2015

ROBERTO-CAVALLI-MENS-SPRING-SUMMER-2O13

Roberto Cavalli ss 2013

elvis-presley-in-leather-suit-retro-images-archive

Elvis indossa un completo  in pelle nera

roberto cavalli

Roberto Cavalli ss 2014

 

saint laurent fw 2012

Saint Laurent ss 2012

 

 

2. I costumi realizzati da Piero Tosi per la produzione cinematografica “Medea”, diretta dal poeta Pier Paolo Pasolini nel 1969, che scelse il soprano Maria Callas per il personaggio di Euripide.

Piero Tosi costumes for “Medea” movie, with soprano star Maria Callas, and Valentino collecton from ss 2014

New Maria Callas Medea Pier Paolo Pasolini

Medea e Giasone

Rivive l’Antica Grecia negli abiti disegnati da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli per la collezione Primavera Estate 2014 di Valentino.

Costume designed by Piero Tosi for Maria Callas in Medea (1969)

Costume di Scena

ddc29dc63b9742004f2e8294086a6ef7

 

Valentino by Maria Grazia Chiuri and Pierpaolo Piccioli Spring Summer 2014 vogue italia steven meisel

Valentino ss 2014 – Vogue Italia- Ph Steven Meisel

 

3. L’iconico hairstyle indossato da Paul McCartney durante la seconda metà degli anni ’60 fu ripreso nel 1994 dalla band britannica Oasis oltre che da Calvin Klein per la sua campagna pubblicitaria del profumo Ck One, 1995 e 1998.

Paul McCarteny 60s hairstyle and Oasis mid 90s (togheter with cK adv) 

hairstyle fashion history luciano lapadula paul mccartney 60s 90s oasis ck one 90s adv johnny zander

© Iconic Haistyle from 60s to 90s

 

4. La cantante francese Francoise Hardy negli anni ’60 indossò un abito in tasselli metallici firmato Paco Rabanne. Lo stesso concetto è stato riproposto da numeri stilisti, in primis proprio da Rabanne che ne ha fatto un suo tratto distintivo. Nella foto un’immagine dalla sua sfilata ss 1997.

The French singer Francoise Hardy in the ’60s wore a dress in metal dowels signed Paco Rabanne. The same concept has been repeated by stylists, first of all by Rabanne who has made a distinctive trait. In the picture an image from his fashion show – SS 1997.

Francoise-ange

paco rabanne ss 1997 luciano lapadula blog moda storia fashion history

 

 

5. Patty Pravo e la storica acconciatura cotonata alla moda nel 1968. Ciclicamente riproposta tra gli altri anche da Dior nel 2008, abbinata al medesimo Make-Up e stile vestimentario.

Iconic italian singer Patty Pravo during 1968 and same style from Dior 2008

PATTI PRAVO hairstyle 1968 luciano lapadula moda dior

wordpress patty pravo dior hairstyle outfit moda fashion history blog blogger

© Patty Pravo vs Dior ©

 

6. Gli anni ’70 con la loro musica si legano alla moda indissolubilmente. Dal Glam al Punk sino alla Disco ogni subcultura generò mode che nel tempo sono state soventemente rielaborate. Nella celebre discoteca Studio 54 fu trendy indossare abiti firmati Halston. Il brand ha fatto di quei volumi il proprio marchio di riconoscimento, confermandosi come un classico nella storia della moda.

70s disco music is inextricably linked to fashion. From Glam to the Punk till the Disco each subculture generated fashions that always comes back in fashion trend. In the famous Studio 54 disco it was trendy to wear Halston designer clothes. This brand has made these designs  its own brand of recognition, confirming itself as a classic in the history of fashion.

bianca jagger horse studio 54 halston

Bianca Jagger  at Sudio 54: entra in discoteca su di un fiabesco cavallo bianco, indossando un maxi abito rosso fuoco

Chris Royer in a dress by Halston

Chris Royer in Halston

the-gang

Lo stilista Halston al centro insieme a Bianca Jagger, Liza Minnelli e Michael Jackson. Studio 54

halston-fall-2011

Halston fw 2011

 

 

7. Gli anni ’80 e l’immagine di Grace Jones, cantante e performer, musa di grandi stilisti tra cui Azzedine Alaïa. Memorabili i suoi look eccentrici, sensuali e dal sapore androgino.

Grace Jones, from music to fashion icon.From Azzedine Alaya to JPG 2009

Picture5

Grace Jones in Jean Paul Gaultier 1981 e una creazione Jean Paul Gaulier del 2009

 

8. Madonna ha da sempre lanciato, più di chiunque altro, stili e tendenze. Il suo amico Jean Paul Gaultier la celebrò nel 2013 quando presentò la rielaborazione del look proposto dalla cantante nel film “Cercasi Susan Disperatamente”, 1985.

Madonna has always launched styles and trends more than anyone else. Jean Paul Gaultier celebrated her style in 2013 too when he presented the reworking of the look proposed by the singer during the movie “Desperately Seeking Susan”, 1985.

Madonna-Desperately-Seeking-Ray-Ban

jpg 2013

 

 

9. Tra il 1991 e il 1993 Axl Rose, leader della band Guns N’ Roses, indossò aderenti pantaloncini in lycra abbinati a bandana, anfibi e camicia tartan. L’immagine divenne subito spunto per una nuova moda, ripresa in ultimo anche da Number Nine Collection (anno 2008).

Between 1991 and 1993, Axl Rose, “Guns N ‘Roses” leader, wore tight Lycra shorts with bandana over his long blonde hair, military boots and tartan shirt. This sexy image immediately became a starting point for a new fashion, also recently taken from Number Nine Collection (2008).

Picture3

axl rose style fashion luciano lapadula blog blogger moda storia 90s anni 90 number nine blog blogger

© Axl vs Number Nine ©

 

10. E come non citare i Nirvana e il Grunge, gruppo e moda simbolo dell’ultimo decennio del secolo. Il look proposto dalla band, con a capo Kurt Cobain, bello e carismatico, divenne subito una tendenza tra i giovanissimi. Su un numero di Vogue America del 1992 due supermodelle posaro per Steven Meisel indossando abiti in linea con quella tendenza che si diffuse da Seattle in quasi tutto il mondo.

And how not to mention Nirvana and Grunge, the group and fashion symbol of the last decade of the century. The look proposed by the band, led by Kurt Cobain, beautiful and charismatic perfomer, immediately became a fashion and costume trend. On a number of American Vogue 1992 two supermodels where photographed by Steven Meisel wearing clothes in line with that trend that spread from Seattle almost all over the world.

6aac522c50083d555e76ebaf154f50c6--nirvana-kurt-cobain-grunge-style

I Nirvana

Vogue (US) December 1992 Naomi Campbell & Kristen McMenamy Steven Meisel

Vogue (US) December 1992 Naomi Campbell & Kristen McMenamy – Steven Meisel

 

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

 

Annunci

VETEMENTS x Levi’s denim shorts: More than Trash

Vetements collabora con lo storico marchio del denim “Levi’s” e producono un jeans per donna, modello shorts (nulla di nuovo anzi..) con una vistosa zip che partendo dal davanti si apre sul retro al centro di due (a mio avviso bruttissime) toppe.

Questo tipo di chiusura lampo non è anch’essa una novità, essendo presente da cento anni ormai su numerosi capi di lingerie dal gusto fetish, oltre che esser stata utilizzata durante gli anni del Punk prima, e del Goth poi.

Non entro nel merito del gusto rispetto al capo, discutibilissimo a mio avviso, ma sempre personale. L’aspetto che invece mi lascia perplesso, come spesso ormai accade, è nel messaggio di sponsorizzazione esercitato dal sito Vogue Italia. All’interno del social Facebook, nella sua pagina, oltre che sul sito internet istituzionale, qualcuno – mi piacerebbe tanto scoprire chi – scrive in proposito:

“Vetements ha annunciato la novità postando su Instagram uno scatto che ritrae uno dei nuovi modelli con zip posteriore aperta e lato B in bella vista. E la risposta dei follower è stata molto positiva. Del resto, nell’era digitale dove il diktat è mostrare il più possibile un tale modello non poteva che riscuotere grande successo.”

Segue questa immagine, davvero raffinata:

vetemens per levi's horrible voulgar jeans denim vogue italia trash

da Vogue Italia

Ho personalmente cercato l’indumento sul sito che si occupa della vendita, indicato da Vogue Italia. Questo pezzettino di jeans costa 850 euro.

Adesso rifletto sulle parole, che scuotono la mia coscienza, utilizzate da chi scrive per un sito che dovrebbe essere paladino delle donne prime, e dell’eleganza poi: “lato B in bella vista” .. “nell’era digitale dove il diktat è mostrare il più possibile un tale modello non poteva che riscuotere grande successo“.

L’orrore e la volgarità riducono la femminilità a un sedere esibito malamente, si scontrano con il tempo tragico in cui vive la donna, abusata, violentata, vessata, uccisa. Quel che conta è apparire, possedere una taglia XS e un sedere all’altezza di essere oscenamente esposto a tutti, con la promessa di una rapidissima ulteriore esposizione grazie a una zip tirata giù da qualcun altro dal retro di un brandello di jeans che ricordo costa 850. La mia critica, se così si può chiamare, non condanna nessuno, ma si limita sia ben chiaro, a osservare un fenomeno che è purtroppo lo specchio dei tempi che viviamo.

Luciano Lapadula

 

***********************

Vetements collaborates with the historical brand of Denim “Levi’s” and produce jeans for women, pattern shorts (nothing new indeed ..) with a visible zip that starting from the front overlooks the back in the middle of two (ugly in my opinion) patches.

This type of zipper is not too new, being present for a hundred years attached to many lingerie items from fetish taste, as well as having been used during the years of Punk before, and Goth after. I am not interested about that kind of (ugly) shorts.

The thing that puzzles me personally, as often happens now, is the sponsorship message exercised by the Italian Vogue website. Within the social Facebook, in its page as well as on the corporate website, someone – I would love to find out who – writes: “Vetements announced the new posting on Instagram a shot that portrays one of the new models with rear zip open and the B side in plain view. and the answer of followers has been very positive. Moreover, in the digital age where the diktat is to show as much as possible such a model could only be very successful. ”

Now I reflect on the words, shaking my conscience, used by the writer for a site that should be a champion of the first women, and elegance then.

My criticism, if you can call it, does not condemn anyone, but simply mind you, to observe a phenomenon that is unfortunately the mirror of the times that we live.

Sanremo Story: i peggiori look nella storia del festival

Gli artisti in gara al Festival di Sanremo hanno spesso segnato con il proprio look la storia del costume, sia grazie a eccentrici, creativi ed eleganti outfit, che attraverso performance legate ad abiti trash e di cattivo gusto. Ecco la classifica che ho stilato per voi, tenendo in considerazione i cantanti più conosciuti. Seguirà la classifica degli artisti più eleganti e originali.

 

20. Laura Pausini nel 1993 canta “La Solitudine”, giacca stile alla marinara. Ha indossato Byblos, Armani e Philippe Plain, ma nel 1993 e nel 1994 ha scelto una serie tailleur troppo austeri e antiquati, non adatti a una giovane ragazza che appariva assai più grande della propria età.

Risultati immagini per laura pausini sanremo 1993

 

19. Arisa  durante l’edizione del 2015 indossa un lungo abito rosso che mette in risalto il seno che scende troppo vistosamente verso il basso. Brutto il grande fiocco sotto il collo. Lapidarie le sue parole prima dell’inizio della kermesse: “Mi vestirò come una donna che va in tv e vuole mettere in mostra la propria bellezza”. L’abito era di Fausto Puglisi che non brillò in eleganza vestendo nella stessa edizione la soubrette Belen.

Risultati immagini per arisa sanremo 2015 abito

 

18. Lodovica Comello total look Vivetta, abito iper decorato e inadeguato alla sua personalità e alla serata, farfalle e mani sul decolleté che imitano malissimo le creazioni surrealiste di Schiaparelli degli anni ’30.

Risultati immagini per lodovica comello sanremo

 

17. Elodie, Sanremo 2017. Capelli rosa ostentati ancora come simbolo di stravaganza a distanza di 15 anni da Pink e 40 dal Punk per non andare ancor più indietro; orrenda la ricrescita visibile a un occhio attento, insieme all’abbinamento della tinta con la carnagione olivastra. L’abito Etro indossato durante la prima serata sembra una brutta copia della collezione Jean Paul Gaultier del 1994.

Risultati immagini per elodie sanremo prima serata

 

16. Giusy Ferreri, non ha brillato per eleganza in nessuna delle edizioni del Festival, forse il look peggiore è quello sfoggiato durante la prima delle serate del 2017. Un tailleur Elisabetta Franchi di colore nero stampato con scritte rosse e fantasie di lipstick. Privo di maniche appare come il lavoro lasciato a metà da un sarto scocciato dalla sua stessa creazione. Brutto a mio avviso anche l’abto scelto per l’ultima esibizione della medesima edizione, un vestito lungo fantasia animalier che di sexy e fetish non ha davvero nulla.

Risultati immagini per giusy ferreri sanremo 2017

 

15. Anna Oxa in Gucci, Sanremo 1999. Non è l’ombelico esibito a fare scandalo, ma il tanga che in un look inappropriato spunta evidente dal pantalone a vita bassa. Lo stile di Tom Ford, all’epoca direttore creativo del marchio,  non era adatto per la kermesse , ma in quella edizione fece tanto discutere i media e il pubblico.

Risultati immagini per anna oxa gucci sanremo

 

 

14. Le Lollipop “meteore 2000” erano il frutto di un assemblaggio pop-mediatico. Durante l’edizione del 2002 il loro look s-batte forte agli occhi attraverso un un assemblage di indumenti più trash di quello proposto dalle Spice Girls molti anni prima. Vinsero il record della canzone stonata per intero.

Risultati immagini per lollipop sanremo 2002

 

13. Syria si presenta vestita in modo inappropriato nell’edizione del del 2001, ma forse peggio in quella del 2003 quando canta “L’Amore è” indossando una tuta arabeggiante più adatta per la spiaggia, rimboccata alla caviglia sopra un paio di scarpe da ginnastica del tipo “All Star” di colore rosso.

Risultati immagini per syria sanremo 2003

 

12. Elisa in “Luce”,  Sanremo 2001. La cantante offre al pubblico un look troppo minimale in total white, sembra appena scesa dal letto. Scalza (wow che trasgressione), i capelli appaiono disordinati e nell’insieme l’aspetto è trasandato e inadatto al palco dell’Ariston.

Risultati immagini per elisa sanremo 2001

 

11. Nino D’Angelo si sforza di essere elegante col suo caschetto in stile fine anni ’70 durante l’edizione del 1986. Canta la neomelodica “Vai”, brano dalle assai vaghe sonorità pseudo elettroniche che ricorda “Storie” di Riccardo Fogli e che fa rima tutto in “AI”. Insuperabile trash.

Risultati immagini per nino d'angelo sanremo 1986

 

10. Romina Power durante il Festival del 1987. Alla fioca voce contrappone, oltre che Al Bano, un eccentrico e lungo abito in satin rosa shocking, maniche a palloncino e cuore giallo ricamato sul petto.

Risultati immagini per romina power sanremo 1987

 

9. Anna Tatangelo, 2002, “Doppiamente Fragili”. Quindici anni e  primo posto tra le Nuove Proposte, indossa jeans a vita bassa, cinturone insipido, calzature dal modello a super punta, t-shirt bianca senza maniche decorata da un’assurda stampa di disegni gialli simili a Spongebob. Una vera ragazza di periferia.

Risultati immagini per anna tatangelo sanremo 2002

 

8. Zucchero al Festival di Sanremo del 1985 canta “Donne” vestito da contrabbandiere.

Risultati immagini per zucchero sanremo 1985

 

7. Francesco Gabbani ostenta un finto disinteresse per il proprio look nell’edizione del 2017, salendo sul palco con indosso un imbarazzante golfino arancio abbinato a un jeans. Il tutto fa troppo “radical chic”. Superato e poco al passo coi tempi il travestimento da scimmia della serata seguente, peggiore di quanto in modo simile fecero gli ironici Elio e le Storie Tese nel 1996.

Risultati immagini per francesco gabbani sanremo prima serata

 

6. Deborah Iurato nel 2016 indossa un abito creato dallo stilista Francesco Paolo Salerno, che dopo l’insuccesso del look scrive pubblicamente ai giornali per dissociarsi dall’immagine della cantante. L’abito risulta davvero ridondante e dal gusto discutibile, ingrassa tanto la già non esile Deborah, terribile fu il gioco “fake tatoo” ottenuto sulle braccia attraverso un’applicazione di pizzo macramè su tulle. Brutta anche l’acconciatura.

Risultati immagini per deborah iurato abito sanremo

 

5. Jovanotti che durante l’edizione del 1989 si presenta al festival con “Vasco”. Avrebbe voluto proporre l’immagine di un ragazzo giovane e ribelle, ma il risultato è grottesco e ridicolo, nel look più che nel brano. 23 anni, stona tutta la canzone nonostante fosse per lo più parlata. Trash e senza senso i movimenti pelvici alla Elvis dell’ultima categoria. Sfoggia un look finto trasandato, pantalone e giacca in jeans chiaro, incomprensibile cappello da cowboy. Il disco è un successo, nonostante tutto.

Immagine correlata

 

 

4. Peggio di Lorenzo Cherubini ha fatto Francesco Salvi che nella stessa edizione si presenta sul palco indossando un impermeabile giallo mentre canta e urla accompagnato da danzatori che indossano maschere di animali. Surreale e orrendo.

Risultati immagini per francesco salvi 1989

 

3. Marcella Bella con “Uomo Bastardo”, Sanremo 2005. Tubino nero troppo aderente con il titolo del brano che diviene una scritta ricamata in bianco a decorare le terga dell’artista. Lo stesso motivo venne ricamato in rosso sul petto, per un altro incredibile abito. Talmente trash da risultare simpatica e iconica.

Risultati immagini per marcella bella abito uomo bastardo

 

 

2. Adriano Pappalardo a Sanremo 2004 con “Nessun Consiglio”: ripropone il già orrendo look esibito sull’Isola dei Famosi,  cercando di dare di sé l’immagine di un uomo rude e mussoliniano, lontano dall’eleganza, quasi questa fosse un vizio deleterio per la virilità. Si presenta in pantalone modello cargo e felpone nero, nel peggior stile 2000. Terribili l’orologio e le collanine tribali che fuoriescono dalla zip.

Risultati immagini per adriano pappalardo sanremo nessun

 

1. Sabrina Salerno e Jo Squillo si presentano scatenatissime e iperattive nella performance del loro brano chiamato “Siamo Donne”, tredicesimo posto ma vincitore morale dell’edizione 1991 e successo discografico dell’anno. Estetica “pornotrash”, intimo silver in pvc per un nude look provocatorio ma fuori luogo, al bikini super sgambato di Sabrina è abbinata una giacca nera con spalline decorate in paillettes multicolor. Grazie ragazze.

 

Risultati immagini per siamo donne sanremo

 

Quando si “prende” tutto dai grandi: Jeremy scott ss 2016

Seguo la moda da un punto di vista assai particolare. Non mi lascio stupire dalle mediocri creazioni realizzate per generare stupore fine a se stesso. Lo studio delle mode del passato mi permette spesso di riscontrare – come è giusto che sia – “lieson” tra mode contemporanee con altre provenienti da polverose passerelle ormai quasi del tutto dimenticate.

In questo caso tuttavia non posso esimermi dal mostrarvi quanto per la collezione Jeremy Scott ss 2016 non si tratti più di ispirazione, ma di qualcosa che a mio avviso è più simile a una brutta, bruttissima copia di creazioni ideate dai mostri sacri della moda dagli anni ’60 al 2014.

Nella passerella ho visto Enrico Coveri con i suoi disegni pop a contrasto, le sue paillettes, i suoi rosa shocking vibranti molto Barbie.

enrico coveri e el sue paillettes

Enrico Coveri, colori e disegni

Enrico Coveri, colori e disegni

Ho rivisto copie per nulla esaltanti degli abitini a trapezio proposti da Courreges nella seconda metà dei 60s, oltre che spunti attinti dalla mitica Mary Quant con i suoi colori accesi provenienti dal mondo dei cartoon (anche la borsa con la margherita è presente all’interno della collezione J. S.)

Life Magazine 1965 Andre Courreges fashions, 60s, 60´s

Courreges nei ’60. Abito dalla linea a trapezio che fu ripresa anche da Gianni Versace nella metà degli anni ’90

mary quant flower bag

il “marchio” di Mary Quant

mary quant anni '60

colorate calze a pois Mary Quant – anni ’60

1960s Vintage Fashion - Paco Rabanne dress photographed by Guy Bourdin for Mademoiselle, 1966

Abito Paco Rabanne fotografato da Guy Bourdin for Mademoiselle, 1966

Ho rivisto ancora una volta i sequin dress realizzati con dischi in rhodoid come quelli ideati da Paco Rabanne 50 anni fa, riproposti negli anni a seguire da tanti altri geni della moda (tra cui Fiorucci e Coveri)

Fiorucci 1980 ca

Abiti in stile Rabanne reinterpretati da Elio Fiorucci – 1979 ca

Enrico Coveri ss 1990

Enrico Coveri ss 1990

Disegni e cromie pop art prese da Warhol a Roy Lichtenstein (che grande novità), si alternano a cromie tipiche del periodo 1967-1969, rivisitate da Fiorucci anni dopo (con tanto di parrucca cotonata color platino)

fiorucci e le grandi parrucche platino

il Pop di Fiorucci e l’acconciatura cotonata

ade99040706f5d9230ef7fd5caa7563e

Contrasti Pop in questo abito A-Line anni ’60

3e93280641d78c42d724568da67f9853

Abito Optical anni ’60

Tommy Ton ss14

il Pop di Roy Lichtenstein abbinato a pois, siamo nel 2014 – Tommy Ton

shirt 1984

Stampe Pop Art, come in un fumetto. Camicia Vintage anni ’80

gianni versasce pop-pois

Stampe Pop e Pois per Gianni Versace, anni ’80

la Pop Art di Gianni Versace

la Pop Art di Gianni Versace

Lichtenstein pop art makeup and hair

Roy Lichtenstein

Non mancano i crop top corti abbinati a mini in tinta unita come quelli creati da Gianni Versace nel 1995, presa da lui anche l’ispirazione (a mio avviso) per gli abiti neri (1992) e le minigonne plissé con stampe colorate.

gianni versace skirts 1991

le mini di Gianni Versace – 1991

versace fw 1991

Stringato, ma anche con zip. Gianni Versace fw 1991

E poi Gigi Hadid indossa una terribile copia del top ideato da Jean Paul Gaultier sul finire degli anni ’80.

Madonna nel suo tour vestita da Jean paul Gaultier - 1990

Madonna nel suo tour vestita da Jean paul Gaultier – 1989/1990

Jean Paul Gaultier

Jean Paul Gaultier

Non manca qualcosa dall’archivio delle straordinarie Sorelle Fontana…guardate la lavorazione del tessuto, qui siamo nel 1968.

Sorelle Fontana 1968

Sorelle Fontana 1968

Le acconciature sono prese dagli anni ’60, e furono proposte identiche già nel 1992 quando vennero poi ridimensionate nei volumi per essere indossate da Cindy Crawford o Pamela Anderson.

Jean Shrimpton negli anni '60

Jean Shrimpton negli anni ’60

Cindy Crawford nel 1992

Cindy Crawford nel 1992

A voi alcune immagini e il link alla sfilata:Jeremy Scott ss 2016
_JER0735_20150915003116

Top come JPG, gonna come Versace

_JER0637_20150915003105

come Versace

_JER0755_20150915003300

come Rabanne

Jeremy_Scott_005_ss16-b427dee5962d185d1fa45525981fb327

stampe pop art e gonne in lurex come Versace

Jeremy-Scott-Ready-To-Wear-SS-2016-NYFW-1

Sorelle Fontana…OOooops Jeremy Scott

tumblr_nupq4qA19t1ub2gwco1_1280

abitino a trapezio con stampe pop







Quando la Spazzatura fa tendenza…forse.

Taiwan: crisi a parte pare che la nuova tendenza tra i giovani sia quella di utilizzare comuni sacchetti di plastica – il cui uso dovrebbe essere circoscritto al contenere rifiuti – al posto di abiti più o meno griffati. La ricerca di sensazionalismo, unicità, trasgressione pare dunque sia giunta al capolinea, o abbia ad ogni modo esaurito le proprie scorte di creatività e ricercatezza.

Mi sembrerebbe un’ovvietà discutere con voi di scelte sposate a un cattivo gusto. Credo la genesi di questo fenomeno, come di altri impulsi che giungono alla moda partendo dalla strada, sia da ricercare nell’epoca in cui viviamo.

Proseguendo con la lettura del mio motto “siamo ciò che vestiamo” è figurabile un parallelismo tra il rifiuto di un’identità generazionale e l’abito che dovrebbe rappresentarne stile e modus vivendi. Dal movimento Punk che esprimeva un rifiuto per certi aspetti del vivere comune, si è giunti ad un appiattimento del Sé  diffuso tra le giovani generazioni in quasi tutto il mondo.

Probabilmente a questo punto la scelta dei giovani di trasformarsi in spazzatura vivente riflette un ultimo moto di protesta, generato dalla consapevolezza della perdita di una certa autonomia nelle scelte della propria esistenza che in modo naturale si riflette sulla selezione di uno stile vestimentario.

Più pericoloso di questo fenomeno – che sono convinto non giungerà mai a divenire una vera Moda – l’altro che invece seduce la gran parte dei giovani occidentali, ossia la scelta di indossare abiti e accessori che come fossero una divisa, annullano l’identità dei singoli in favore di una grigia vastità di soggetti che si esibiscono in tuta, shorts logori, borse con logo. Questa scelta assume in qualche modo la funzione di rivestire il corpo nascondendone l’identità, unificando un gruppo in una sorta di tacito e rassegnato esercito che non sa o non vuole combattere.

taiwan trash moda buste plastica

un giovane si traveste da sacco della spazzatura e posa per una emittente tv

garbage trash fashion taiwan

tutti potrebbero vestirsi in questo modo, in pochi hanno scelto di farlo. Una protesta?

L