Hairstyles Revival in time

revival hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses victorian hair

Le acconciature al pari degli indumenti seguono delle tendenze ben precise spesso in linea con un mood che riporta in auge fogge del passato. Ecco alcuni hairstyle che ho studiato e che sono frutto di rielaborazioni di mode più vecchie.

Hairstyles like garments follow trends often in line with a mood that makes comeback styles of the past. Here are some hairstyles that I have studied that are the result of reworkings of older fashions. Follow me for more.

© COPYRIGHT: Luciano Lapadula

Divieto di copia e riproduzione.

Contattare l’autore per info e disponibilità

Do Not Copy. Contact the writer for info

1855 1955 50s hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses victorian hair

Haistyle: 1855 vs 1955

1920s hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses 20s cher louise brooks hair

Louise Brooks in 20s – Cher in 1972 by Richard Avedon

1940s hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses 40s pinup

Tricia Helfer for Yves Saint Laurent in 1996 vs Betty Grable in 40s

1970s hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses 70s gothic rolled hair raquel zimmermann guido palau copy elle pageboy

Pageboy from 70s to now with Alice Kastrup. Ph credit Filippo Del Vita for Creem Magazine

1970s hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses 70s gothic rolled hair raquel zimmermann guido palau copy

Rolled Hair in 70s and Guido Palau from “Hair” 2014

katy perry hedy lamarr hairstyle hisory fashion storia della moda fashion magazine fashion historian expert hairdresses makeup hair waves 40s 2018 2019 2017

1940s waves and make-up from Hedy Lamarr to contemporary Katy Perry

eve salvail 1994 dior 2018 hairstyle men gay sex sexuality androginy 90s

Supermodel Eve Salvail in glorious 1994 vs Dior men 2018

The #bighair of #PriscillaPresley in 1968 are now on #Valentino runway

The #bighair of #PriscillaPresley in 1968 are in 2018 on #Valentino runway

Follow Me on Instagram:
https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

Follow Me on Facebook:
https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Follow Me on Youtube:
https://www.youtube.com/channel/UCXPI69uNrqeejgYR1fH9ASw

 

Acquista il mio libro. Clicca sull’immagine per info.
Shop my Book

The Macabre and the Grotesque in Fashion and Costume History“.

Click on the pic for info.

Annunci

5 drawings from Andrew Loomis that look as 90s supermodels

andrew loomis supermodel 90s 40s hairstyle makeup art blog fashion museum storia luciano lapadula moda yves saint laurent ss summer 1996 90er blog blogger moda

La riflessione sulla bellezza porta a percorrere strade impervie, in cui è facile smarrirsi nella ricerca della perfezione che lasci riconoscere il bello in senso universale e oggettivo. Da qui parte il fremito che mi ha attraversato quando ho visto i disegni di Andrew Loomis: in alcune sue opere degli anni ’40 infatti, pare l’artista abbia ritratto alcune supermodelle anni ’90 anticipandone l’immagine di 50 anni circa. Vediamo tre di questi miei confronti.

The reflection on beauty leads to travel through impervious roads, in which it is easy to lose oneself in the search for perfection that allows us to recognize beauty in a universal and objective sense. From here starts the thrill that crossed me when I saw the drawings of Andrew Loomis: in some of his artworks from 40s it seems the artist has portrayed some supermodels of the 90s anticipating the image of that kind of beauty about 50 years. We see five of these comparisons of mine.

© COPYRIGHT: 

Divieto di copia e riproduzione.
Contattare l’autore per info e disponibilità
Do Not Copy. Contact the writer for info

andrew loomis linda evangelista yellow suit art blog fashion museum storia luciano lapadula moda christian dior 1992 1993

On the right Linda Evangelista for Christian Dior 1992 1993

andrew loomis supermodel 90s 40s hairstyle makeup art blog fashion museum storia luciano lapadula moda yves saint laurent ss summer 1996 90er shalom harlow top

On the right Shalom Harlow in 1995

andrew loomis supermodel 90s 40s hairstyle makeup art blog fashion museum storia luciano lapadula moda yves saint laurent ss summer 1996 90er carla bruni

On the right Carla Bruni for Yves Saint Laurent ss 1996

andrew loomis supermodel 90s 40s hairstyle makeup art blog fashion museum storia luciano lapadula moda yves saint laurent ss summer 1996 90er

Still Yves Saint Laurent 1996

andrew loomis supermodel 90s 40s hairstyle makeup art blog fashion museum storia luciano lapadula moda yves saint laurent ss summer 1996 90er eva herzigova top

On the right supermodel Eva Herzigova 1993 ca

 Follow Me on Instagram:
https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

Follow Me on Facebook:
https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

Follow Me on Youtube:
https://www.youtube.com/channel/UCXPI69uNrqeejgYR1fH9ASw

 

VIDEO:

Acquista il mio libro. Clicca sull’immagine per info.
Shop my Book “The Macabre and the Grotesque in Fashion and Costume”. Click on the pic for info.

1968 – 2018: from Revolution to Fashion

1968 2018 luciano lapadula blog

1968”: suona come il titolo di una favola dai contorni nostalgici. In genere, una rivoluzione fa pensare a imprese eroiche, se poi i ribelli sono giovani che in tutto il mondo condividono ideali, presentandosi con un look dirompente e scandaloso, allora si spiega perché a distanza di 50 anni il “1968” risulti ancora attraente come la più trasgressiva delle rock star. Da Roma a Parigi, dal Giappone agli Stati Uniti, la strada fu il nuovo luogo d’incontro in cui per la prima volta oltre agli ideali si condivideva uno streetwear espressione dell’opposizione alla classe borghese. Insieme all’eskimo, alle clark e alla minigonna si diffusero nuove parole come “Matusa” e “Capellone”, per identificare con disprezzo il vecchio e il nuovo modo di apparire. Mentre il rock suonò la marcia di quella generazione in rivolta, le tendenze più cool giungevano dall’Oriente, dalla cultura black e persino dalla luna: le frange degli Indiani d’America, il Safari look di Yves Saint Laurent, lo Space Age firmato Courrèges. Profumato di Patchouli questo esercito dell’amore e della contestazione si preparò per Woodstock, il concerto evento che l’anno successivo avrebbe segnato la storia del costume, decretando anche la disfatta di tante utopie.

Tuttavia sono diversi gli aspetti che fanno del ’68 un anno significativo per le profonde trasformazioni sociali e  antropologiche messe in atto, tra le quali una rivoluzione sessuale che nella moda ha visto l’affermazione del prêt-à-porter e dell’abito unisex. Una forma nuova di apparire, che riveste da allora plurime identità, giungendo a noi sotto forme inattese: uomini e donne oggi indossano abiti interscambiabili e l’aspetto per i due sessi tende a essere sempre più simile. Il poncho, indumento simbolo degli studenti rivoluzionari, è ormai un classico nella moda, la parola “capellone” è desueta, i politici possono non indossare la cravatta e donne di ogni età possono rinunciare al reggiseno e vestire una minigonna. Il motto “Love & Peace” continua ad apparire sulle t-shirt decolorate in Tye-Dye, la strada ha smesso di essere un luogo di scambio di ideologie tra i giovani, per divenire lo sfondo di un selfie, ma è la strada il luogo nel quale, dal ’68,  si sviluppano tendenze che divengono, spesso, mode.

1968“: sounds like the title of a fairy tale with nostalgic outlines. In general, a revolution suggests heroic undertakings, if the rebels are young people who share ideals all over the world, presenting themselves with a disruptive and scandalous look, then it is explained why, after 50 years, the “1968” is still attractive as the most transgressive rock star. From Rome to Paris, from Japan to the United States, the street was the new meeting place where for the first time, in addition to the ideals, there was a streetwear expression of opposition to the bourgeois class. Together with the eskimo, the clark and the miniskirt, new words were spread like “Matusa” and “Capellone”, to identify with contempt the old and the new way of appearing. While rock played the march of that generation in revolt, the coolest trends came from the East, from the black culture and even from the moon: the fringes of the American Indians, the Safari look by Yves Saint Laurent, the Space Age signed Courrèges . Scented by Patchouli, this army of love and protest prepared for Woodstock, the concert event that the following year would mark the history of the costume, also decreeing the defeat of so many utopias.

However, there are several aspects that make ’68 a significant year for the profound social and anthropological transformations implemented, including a sexual revolution that has seen the emergence of prêt-à-porter and unisex dress in fashion. A new form of appearing, which since then has multiple identities, reaching us in unexpected forms: men and women today wear interchangeable clothes and the appearance for the two sexes tends to be more and more similar. The poncho, garment symbol of revolutionary students, is now a classic in fashion, the word “capellone” is obsolete, politicians may not wear a tie and women of all ages can give up their bra and wear a miniskirt. The “Love & Peace” motto continues to appear on Tye-Dye bleached t-shirts, the street has ceased to be a place of exchange of ideologies among young people, to become the background of a selfie, but it’s the street the place in which, since ’68, trends have developed that often become fashions.

68-france

from 68s in Paris

1968-Sessantotto-scioperi

students in Italy

paris68-03s

studentsin Paris

PAR19138

students protest in Paris

Senza titolo-18

Mexico protest in ’68

R-8240674-1457783230-8326.jpeg

“Matusa” record from Italy

Vietnamdem

Flower Power protest

flower-power-21

Flower Power Revolution

60s che guevara students anarchy 1968 blog fashion luciano lapadula

Fashion Protest

image

Eskimo  It was a coat worn by young revolutionaries

woodstock-7

from the Summer of Love

9e8362feefd991efa6633d3b97a75a97--woodstock-photos--woodstock

new male aesthetics

9339bfb9b191fda6e0f035da67027d83

Look from Woodstok in 1969

3e6cb36ebfaf12b28fefa12760027c79

Unisex Hippie fashion from 1968

unisex-resize-4

Same garments from men and women

one-wolf

Nowadays unisex fashion

le style yves saint laurent la saharienne

Yves Saint Laurent Safari Look: today and yesterday

DIOR_Autumn-Winter-2018-2019_GROUP-SHOT-©-Christine-Spengler-for-Dior

Dior 2018: the symbols of peace are back in fashion on the sweatshirts, which however lose the bright colors

 

 

 

 

Cut me and I bleed latex

“Spesso mi sono domandato cosa ci sia dietro le splendide fotografie di belle donne vestite con eleganza delle pagine delle riviste di moda. […] Che specie di bellezza è quella delle riviste di moda? E’, diciamolo subito, una bellezza “oggettuale”, “cosale”; nel senso che le cose, cioè i vestiti, vi hanno più importanza delle persone, cioè di chi li indossa; e che le persone stesse sono trasformate in cose ossia in appendici e complementi dei vestiti. Ora domandiamoci quale può essere la vita reale di queste particolari cose, la risposta ce la dà Histoire d’O, di Pauline Rèage. La vita reale delle donne-cose delle riviste di moda è la schiavitù erotica […]

Nell’Histoire d’O la schiavitù non porta a degradazione e questo perché la trasformazione di donna in cosa attraverso le pratiche della schiavitù erotica non è dovuta ad una alienazione negativa (nel senso di soddisfare alle esigenze della libidine altrui) ma positiva (nel senso di adeguarsi ad un ideale di bellezza, nel caso dalla bellezza postulata dalla moda). Sottomettendosi ai sadici riti dei suoi amanti, O si è alienata masochisticamente a favore della bellezza propria e della moda, si è immolata volontariamente e misticamente sull’altare dell’eleganza.L’alta moda concepita come ideale di vita”.

Alberto Moravia introduce così il romanzo-scandalo di Pauline Réage, pseudonimo di Dominique Auri, Histoire d’O, divenuto best-seller e film simbolo del masochismo erotico. “O” è icona di un’emancipazione, considerata dalla mente mediocre e puritana come degradazione della donna, compresa da molti come Moravia afferma “ideale di bellezza”. Innumerevoli scrittori hanno dato libero sfogo alle fantasie piú perverse, ispirando una vastissima schiera di stilisti e registi che, attingendo a questa fonte di erotismo letterario, sono riusciti a tradurre il tutto in abiti viziosi e pellicole depravate.

Negli anni ’50 fu Betty Page a introdurre nell’immaginario collettivo fotografie che la ritraevano in giochi sadomaso e di pelle vestita. Divenuta nota sia per l’innovazione che per lo scandalo che ne provocò, da allora nell’ideale erotico di registi e stilisti il BDSM è entrato di diritto nelle proprie trasposizioni artistiche.

1

Thierry Mugler 1991 vs. Betty Page 1950s

2

Thierry Mugler 1995 vs. Catherine Deneuve in Yves Saint Laurent, Belle de jour di Luis Buñuel, 1967

3

Thierry Mugler 1996 vs. Barbarella 1968, regia di Roger Vadim

4

Yohji Yamamoto 2015 vs. Il Portiere di notte 1973 regia di Liliana Cavani

5

John Galliano for Dior 2003 vs. Histoire d’O Corinne Clery, 1975

6

Chanel 1993 vs. Maîtresse 1975 regia di Barbet Schroeder

“Per vincere quel turbamento che non figurava nei suoi piani, ha afferrato la frusta colpendo la sua vittima […] Ma per il dolore la fanciulla a tratti s’interrompeva. Claire allora raddoppiava i colpi […] La giovane era sdraiata, supina, con le ginocchia divaricate e le braccia abbandonate. Claire era piegata sulla sua preda che ben presto cominciava a gemere dal fondo della gola e in piedi sopra di lei, la spostava come una morta con la punta dellascarpa […]”

Tratto da L’Immagine di Catherine Robbe-Grillet che si firmava con lo pseudonimo di Jean
de Berg. Da questo romanzo venne tratto un film: The punishment of Anne catalogato come
porno d’autore, ma la bellezza e la raffinatezza delle immagini sono tutt’altro che
pornografiche, nell’accezione più dispregiativa del termine.

7

‘THE ONE Grand Show’ World Premiere Jean Paul Gaultier 2016 vs. The Punishment of Anne, 1975

8

Alexander McQueen 1998 vs. Les Fruits de la passion con Klaus Kinski ispirato al romanzo Histoire d’O, 1981

“[…] Bisogna per prima cosa che lei lo soddisfi nei suoi gusti, quale che possa essere la loro
natura, senza mostrare ripugnanza; quindi gli faccia capire che simili cortesie meritano
perlomeno qualche riguardo ed esiga, in cambio di ciò che essa concede, una completa libertà.[…]”

La filosofia nel boudoir di Donatien-Alphonse-François de Sade 1795.
Il divin marchese è stato il precursore di una filosofia di vita. Condannato all’ergastolo per lasua spregiudicatezza e amoralità, è tutt’oggi un esempio per chiunque segua la corrente
sadomaso e non solo.

Grande letterato ha dato libero pensiero alle sue passioni senza preoccuparsi della censura.

9

Thierry Mugler 1997 vs Kim Basinger 9 1/2 weeks – 1986

10

Alxander McQueen 2015 vs Tokyo Decadence 1991

11

Nadja Auermann fotografata da Helmut Newton 1995 vs. Secretary 2002, regia di Steven Shainberg

12

Nadja Auermann fotografata da Helmut Newton per Blumarine 1995 vs. Venere in pelliccia 2013, regia di Roman Polanski

 

13

John Galliano for Dior 2003 vs. Bibliothèque Pascal 2010

 

La donna assume un ruolo fondamentale, non è più solo mamma e angelo del focolare, ma
diventa padrona del suo corpo, sicura di sé e delle sue fantasie più intime, come Moravia
afferma la bellezza “oggettuale e cosale”, esprime il feticismo per i propri desideri più
reconditi attraverso gli abiti, non nasconde più quali sono le sue perversioni, mette il proprio corpo alla mercé di uomini, non in senso dispregiativo e per prostituzione, ma perché è sua libera scelta poter godere di quell’ebbrezza.
Leopold Sacher-Masoch scrisse: “La donna a tutt’oggi, quale natura l’ha creata, e nei suoi
rapporti con l’uomo, è sua nemica e può essere solo sua schiava o sua despota, mai sua
compagna.” Era il 1870, tratto da Venere in pelliccia.
La Bellezza è tutto ciò che esprime Verità, e ciò che non abbiamo paura di mostrare.

Francesca Paradiso

DRESS UP Films: when Fashion meets Movies

Ultimamente mi è capitato di imbattermi nella serie televisiva American Horror Story, approcciandomi ad essa in maniera piuttosto critica. Il mio scetticismo è stato immediatamente sconfitto dalle vicende dei protagonisti, in particolare della quarta serie Freaks Show.
Il richiamo al film del 1932 è palese, ma ciò che ha colto maggiormente la mia attenzione è il personaggio interpretato da una splendida Jessica Lange: Elsa Mars. Proprietaria del “circo dei mostri”, ex dominatrix durante la Germania sotto regime nazista, il sogno di Elsa è arrivare al successo come la sua storica rivale Marlene Dietrich. Ed è proprio a quest’ultima che il look della Lange/Mars si ispira, oltre ad omaggiare Sir David Bowie in più di una scena.
Da questo momento in poi, completamente catturata dal suo personaggio ed effettuando ricerche, sono giunta alla conclusione che, come sempre ho sostenuto,“l’innovazione è nel passato”.
Nel corso degli anni gli stilisti si sono ispirati alle dive della “Old Hollywood” per la creazione delle loro opere, spesso in maniera impercettibile, tuttavia, per chi come me è amante del cinema è quasi inevitabile si imbatta nel riscontro di evidenti citazioni
Tra i tanti stilisti che hanno rivisitato il look delle star del Silver Screen riadattandoli nel
contemporaneo spicca il talentuoso John Galliano nelle sue creazioni per Dior ha sicuramente dato largo spazio alla sua creatività omaggiando le dive che da sempre lo hanno ispirato del cinema muto e non. Oltre lui, numerosi sono gli altri nomi del mondo della moda che hanno attinto a piene mani dai costumi del passato. Vediamone alcuni.

****************************************

Recently I toke a look at tv series American Horror Story. My skepticism was immediately defeated by the vicissitudes of the protagonists, in particular the fourth series Freaks Show. The reference to the 1932 film is obvious, but what most caught my attention is the character played by beautiful Jessica Lange: Mars Elsa. Owner of the “circus of monsters”, former dominatrix throughout Germany under the Nazi regime, the dream of Elsa to success as its historic rival Marlene Dietrich. And it is to the latter that the Lange / Mars look is inspired, as well as pay homage to Sir David Bowie in more than one scene.

From now on, completely captured by his character and searching, they came to the conclusion that, as I have always supported, “innovation is in the past.”
Over the years, the designers were inspired by the divas of “Old Hollywood” for the creation of their works, often imperceptibly, however, for people like me who loves cinema is almost inevitable to come across in the finding of obvious citations
Among the many designers who have revisited the look of the stars of the Silver Screen, the talented John Galliano in his creations for Dior has certainly given ample space to his creativity honoring the divas that have always inspired silent movie and not. Besides him, there are many other fashion names that have drawn freely from the customs of the past. Let’s see some above.

 

1

John Galliano for Dior S/S 2004 VS Marlene Dietrich Venere Bionda 1932

2

Elie Saab ss 2012 VS Marlene Dietrich 1971

3

Jerry Hall at Tierry Mugler fashion show 1995 VS Marlene Dietrich in London, 1972

4

Louise Brooks, 1927 VS Alberta Ferretti ready to wear fw 2017

Tempo fa mi recai da Luciano nel suo atelier, e tra un cambio d’abito e la visita di qualche “vicino di casa” eccentrico, lui mi mostrò una sfilata di Alexander McQueen del 1999. Kate Moss in versione ologramma fluttuava tra gli spettatori come fosse un fantasma, e il rimando a La caduta di casa Usher, film muto di Jean Epstein del 1928 estrapolato dal racconto di Poe, è stato immediato.

5

Abito realizzato per Greta Garbo da Gilbert Adrian nel 1931.Thierry Mugler fashion show 1995. Sicuramente più audace e provocatorio, ma non per questo meno elegante:

6

 

Vogue US 1997: John Galliano for Dior by Annie Leibovitz.
Le lacrime amare di Petra von Kant, Rainer Werner Fassbinder 1972:

7

 

Catherine Deneuve in Yves Saint Laurent durante una scena del film The Hunger, Tony Scott 1983 VS Gareth Pugh F/W 2016 – ’17

8

Si potrebbe continuare all’infinito, ma purtroppo questi “paragoni” stanno diventando sempre meno frequenti a causa delle “mode del momento”, mai espressione fu più deleteria per chi ama La Moda, quella Vera e Artistica.
Gli stilisti vestono “dive” come Rihanna, Lady Gaga…adattandosi ad un pubblico più “pop” e meno colto riguardo il passato. Per quel che mi concerne mai i miei occhi potrebbero adattarsi alle folte extension di Lady Gaga degne di Barbie Raperonzolo, o alle trasparenze e aderenze delle tanto acclamate sorelle Kardashian, che per la loro mancanza di eleganza forse non convincerebbero neanche un cultore del lato b come Tinto Brass.
Dove sono finite le dive di una volta? Perché una parte di pubblico deve per forza adattarsi a tale scempio quando le nostre mamme, vere icone di stile, ci avevano insegnato l’eleganza e la riservatezza? Vedo ragazze emulare tali personaggi come se il farlo costituisse di per sè un vanto, quando il vero vanto sarebbe piuttosto quello di poter seguire lezioni di stile offerte da quanti con reale competenza operino nel settore moda, permettendo a chiunque di scoprire le proprie attitudini e rinnovare il proprio stile senza necessariamente dover passare alla storia.
Come diceva Yves Saint Laurent: Le mode cambiano. Lo stile è eterno.

Francesca Paradiso.

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

 

“The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

SHOP: “The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

Period Dresses from my Fashion Archives

Dear friends, here some dresses from my collection:

Lerario Lapadula Fashion Archives“.

Lerario Lapadula is a Fashion Archives that owns one of the italian largest collections

of period dresses and accessories from XVIII century to 2010.

The most important part of the collection covers the history of Made in Italy clothes.

Lerario Lapadula organizes and promotes Fashion Events,
and work as Fashion Curator.

Facebook Page: https://www.facebook.com/pg/lerariolapadula

Facebook Contact: https://www.facebook.com/lapadulaluciano

Instagram: https://www.instagram.com/lerario.lapadula/

1909-periodd-dress-lerario-lapadula-fashion-archives-museo-moda

1909 period dress and 1909 fashion magazine. Both from our fashion archives

20s-dress-beabed-sequind-charleston-lerario-lapadula-fashion-archives-museo-moda

1927 evening dress detail Fashion Archives Lerario Lapadula

1937-black-creey-dress-museum-wwi-nazi-nazism-fashion-lerario-lapadula-museo-moda

1937 silk evening dress. Lerario Lapadula Fashion Archives

1938-dress-vintage-abito-vestito-30s-robe-wwii-40s-lerario-lapadula-fashion-museum-archives-schiaparelli

1938 dress Lerario Lapadula Fashion Archives

d792209026459634306e3115ceac595c

1948. Anita di Torino dress detail. Ultra rare Made in Italy dress. Lerario Lapadula Fashion Archives

 

chanel-tailleur-museum-50s-1958-lerario-lapadula-fashion-archives-museo-moda

Chanel tailleur detail – 1958 Fashion Archives Lerario Lapadula

 

simonetta-cockatail-dress-50s-60s-museum-lerario-lapadula-fashion

1960 ca Simonetta cocktail dress. Lerario Lapadula FashionArchives

 

angelo-litrico-lerario-lapadula-fashion-archives

1967 ca Angelo Litrico silk dress polkadot pattern. Lerario Lapadula Fashion Archives

fiorucci-vintage-70s-80s-tartan-dress-lerario-lapadula-fashion-archives-museum-history-robe-abito-vintage-moda-mode

1979 ca FIORUCCI dress  from our collection.

yves-saint-laurent-1987-dress-linda-evangelista-bow-lerario-lapadula-ysl-fashhion-archives-museum-dress-robe-kleid-abito

ss 1987 YVES SAINT LAURENT silk dressand #supertop LINDA EVANGELISTA in our dress Fashion Archives Lerario Lapadula

karl-lagerfeld-1987-suit-museum-chanel-dress-tailleur-lerario-lapadula-fashion-archvies

1987 KARL LAGERFELD tailleur Lerario Lapadula Fashion…

paola-fero-vintage-80s-dress-abito-couture-fashion-museum-moda-museo-lerario-lapadula-robe-kleid

1987 ca Paola Ferò couture evening dress. Lerario Lapadula Fashion Archives

delphos2

1988 ca Isabelle Allard Delphos Dress. Fashion Archives Lerario Lapadula

moschino-lerario-lapadula-fashion-archives-denim-jumper-fluo-1989-80s-1990-technotronic-suit-acid-house-dress-vintage-80er-90s

1989 ca Moschino denim suit. Lerario Lapadula Fashion Archives

christian-lacroix-vintage-80s-90s-coat-red-wool-lerario-lapadula-fashion-archives

Late 80s – Early 90s Christian Lacroix red coat Lerario Lapadula Fashion Archives

dolce-gabbana-1994-dress-vintage-90s-kate-moss-lerario-lapadula-silk-museum-robe-kleid-abito-dg-anni-90-runway-black-gothic-boho-hippie-dark-witch

1994 DOLCE & GABBANA silk dress Lerario Lapadula Fashion Archives

© COPYRIGHT: Do Not Copy. Contact the writer for info

Divieto di copia e riproduzione. Contattare l’autore per info e disponibilità

 

Follow Me on Instagram:

https://www.instagram.com/iamlucianolapadula/

 

Follow Me on Facebook:

https://www.facebook.com/lucianolapadulaofficial/

 

“The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

SHOP: “The Macabre and Grotesque in Fashion and Costume History”

Androgyny in Vogue

Guardando le immagini fotografiche utilizzate per le campagne pubblicitarie in ambito moda, risulta sempre più difficile comprendere quali siano gli aspetti sessuali che definiscono un genere e un’identità. Che si pubblicizzi un occhiale da sole, una borsa, un abito, un profumo, la scelta delle case di moda verte quasi sempre su aspetti ambigui con un esplicito – tuttavia – riferimento alla sessualità.

Se fino agli anni Novanta questo genere di rovesciamento di ruoli e di estetiche era relegato a una forma di trasgressione, penso ai vari video di Madonna, a Calvin Klein e Kate Moss o a Jean Paul Gaultier, oggi pare che l’androginizzazione delle modelle e dei modelli sia una peculiarità estetica inderogabile per poter avere successo.

Madonna with Isabella Rossellini

La nuova identità sessuale di uomini e donne abbandona gli eccitanti aspetti trasgressivi per vestirsi di un nuovo terzo sesso, che esteticamente appare identico per entrambi.

***********************************************************************

Looking at the photographic images used for advertising campaigns in the field of fashion, it is increasingly difficult to understand what are the sexual aspects that define a gender and identity. Sunglasses, bags,  dresses, perfumes, the choice of the fashion houses almost always focuses on ambiguous aspects with an explicit reference to the sex. Until the nineties it was a form of transgression, for example into Madonna video, Calvin Klein and Kate Moss ad or Jean Paul Gaultier ad. Today it seems that this kind of models must look that way to be successful. The new sexual identity of men and women leave the transgressive aspects to dress a new third sex, which appears aesthetically identical for both.

Madonna in 1990

Jean Paul Gaultier ads

 

Gucci runways

 

Ralph Lauren

Margiela 2016

Margiela 2016

YsL fw 2016

Some pics from Vogue Italia – June 2016

20160624_141317

Vogue Italia cover – June 2016

20160624_141344

Gucci ad from Vogue Italia june 2016

20160624_141540

from Vogue Italia – June 2016