Fashion & Testimonial: Lou Lou De La Falaise vs Dylan Lee Anderson

 

Quotidianamente i media ci propongono nuove immagini pubblicitarie attraverso le quali viene esercitato il tentativo di rendere iconografici vari emergenti testimonial. I risultati sono spesso discutibili e per certo distanti dallo spirito creativo proprio dell’originario creatore. Esemplare in tal senso il caso del brand Saint Laurent.

La raffinatezza e la peculiarità del personaggio Lou Lou De La Falaise, musa e volto per la Maison, non hanno avuto un seguito ideale nella recente figura scelta che ha il volto di Dylan Lee Anderson.

Sofisticata e carismatica la conturbante Lou Lou dettava legge in fatto di stile e moda.

lou lou 6

 

L’incontro con lo stilista avvenne nel 1968 sancendo un rapporto intenso e artisticamente produttivo. Elegantissima e misteriosa Lou Lou fu tra i personaggi più chic e glamour nelle notti folli degli anni ’70.

lou lou disco

Amica e confidente del Maestro prestò il proprio volto per la sponsorizzazione del marchio, seguita in questo da molte tra le sue colleghe (tra tutte la splendida attrice Catherine Deneuve).

catherine deneuve ysl

Catherine Deneuve and Yves Saint Laurent

Nel 2016 il brand (ora semplicemente “Saint Laurent”), guidato fino a pochi giorni fa dallo stilista Hedi Slimane, ha proposto il giovane Dylan come proprio testimonial. Trattasi del minore dei due figli di Pamela Anderson e Tommy Lee, diciotto anni compiuti a dicembre.

dylan lee ysl

Brandon Lee, pamela Anderson, Dylan Lee

I tempi cambiano, e insieme a questi mutano gusti e conseguenti strategie di marketing. Mi chiedo se a Yves questa scelta sarebbe piaciuta.

dylan

dylan 2

lou lou de la falaise dylan lee anderson luciano lapadula yves saint laurent trash

Annunci

La Bellezza: Modelle a confronto

Vieni tu dal cielo profondo o sorgi dall’abisso, Bellezza?
(Charles Baudelaire)

Una storia intricata, complessa, quella della bellezza. Il soggettivismo rispetto al gusto lascia spazio a immagini-tipo che imperversano come ideali in determinate epoche.

I canoni della bellezza, tuttavia, mutano con l’alternarsi delle generazioni, e ciò che per un gruppo sociale era repellente ieri si riveste di incanto oggi.

Il mondo della moda sempre più rapidamente cambia i propri testimonial ed è affascinante osservarne differenze stilistiche e stravolgimento nei gusti.

Di seguito alcune immagini che ritraggono sfilate dei medesimi stilisti a distanza di 20 anni: 1996 – 2016

L’attenzione si posa in questo caso non sull’abito ma sulla modella, “corpo-feticcio” che da sempre rappresenta il gusto e l’espressione della società e del tempo in cui essa è immersa.

****************************************

Beauty, how much complexity in its history.Exciting images destined to fade because of the ravages of time, or to become iconic and eternal thanks to the magic of an artist. Canons of beauty often change with the changing of the ages, and what for a social group was yesterday repellent is amazing nowadays. Fashion system changes its testimonial and it is stunning to observe stylistic differences.

Here are some pictures that portray runways of the same stylist in 1996 and 2016.

Here I’m interested in model body, the “body-fetish” that always represents the taste and expression of society and time in which it is immersed.

ysl carla bruni 1996

Carla Bruni – Yves Saint Laurent 1996

image

Yves Saint Laurent 2016

ysl 1996 karen mulder

Karen Mulder – Yves Saint Laurent 1996

 

FB_IMG_1459257305609

Yves Saint Laurent FW 2016 – 2017

 

image

Naomi Campbell – Versace 1996

 

versace

Versace ss 2016

 

helena

Helena Christensen – Gianni Versace 1996

versace

Versace ss 2016

Eva Herzigova - Herve Leger s/s 1996

Eva Herzigova – Herve Leger s/s 1996

 

Hervé Léger ss 2016

Hervé Léger ss 2016

 

 

Claudia Schiffer - Versace 1996/97

Claudia Schiffer – Versace 1996/97

 

image

Versace ss 2016

 

auermann

Nadja Auermann – Westwood 1996

 

westwood

Westwood 2016

 

 

Kate Moss - Dolce & Gabbana 1996

Kate Moss – Dolce & Gabbana 1996

d&g

Dolce & Gabbana ss 2016

 

Helena Christensen - Jean Paul Gaultier 1996

Helena Christensen – Jean Paul Gaultier 1996

 

Jean Paul Gaultier 1996

Jean Paul Gaultier 2016

 

amber valletta

Amber Valletta – Prada 1996

 

prada ss 2016

Prada 2016

 

Shalom Harlow - Valentino 1996

Shalom Harlow – Valentino 1996

 

valentino ss 2016

Valentino ss 2016

luciano lapadula wordpress

Alber Elbaz lascia Lanvin

Dopo l’addio di Raf Simons a Dior (vedi post) e i cambi ai vertici di Balenciaga, é la volta di Lanvin che riceve il ben servito da Alber Elbaz. La casa di moda parigina fondata nel 1885 da Jeanne Lanvin ha ricevuto negli ultimi 14 anni un incisivo rinnovamento proprio grazie al signor Elbaz che ha firmato persino una “collezione” per il low cost H&M (scelta a mio avviso di pessimo gusto). Parrebbe che alla base di questa rottura ci siano dissapori con i colleghi ai vertici della società. Si vocifera intanto che Dior sia pronto ad accogliere lo stilista in sostituzione di Simons, e il gruppo LMVH, cui fa capo la griffe parigina, non conferma né smentisce. Del resto Elbaz non é nuovo ai cambiamenti, inizió con Guy Laroche nel 1996 per passare a dirigere Rive Gauche di Yves Saint Laurent nel 1998. Ha lavorato un anno per Krizia per poi dirigere Lanvin a partire dal 2001. Concludo con una sua frase che probabilmente riassume al meglio il proprio percorso e questa ultima scelta:

“La moda è come la frutta non si può mangiare prima che sia matura, e quando lo è troppo è da buttare via. Va assaporata al momento giusto”

Lanvin nel 1958

Lanvin nel 1958

Lanvin nel 2011

Lanvin nel 2015